All’Archivio Storico i nuovi cocktail trait d’union tra Milano e Napoli

0
archivio storico

Lunedì 15 aprile l’evento nel locale partenopeo che vedrà al banco il barman Salvatore D’Anna e le barladies Marianna Di Leo e Camilla Bosatelli

NAPOLI. Milano e Napoli, due città simbolo della Penisola. La prima capitale del design, la seconda apprezzata per il suo patrimonio storico, paesaggistico e culturale. Due luoghi che nell’immaginario comune sono simboli, ognuno a modo suo, del “bien vivre”, del lusso, del divertimento. Da lunedì 15 aprile queste due città saranno accomunate da cocktail creati da famosi bartender che operano nel capoluogo partenopeo e in quello meneghino: Salvatore D’Anna, talentuoso barman napoletano e bar manager dell’Archivio Storico, secondo cocktail bar d’Italia secondo la classifica “Bar Awards”. Marianna Di Leo, vincitrice della seconda stagione di “Mixologist – La sfida dei cocktail” (il talent show dedicato ai maghi del bancone) e Camilla Bosatelli (finalista italiana per la Clarin Competition), le due bar ladies regine del bancone del Mag Cafè di Milano.

Amici consapevoli della loro fortuna nel lavorare in ambienti così elitari, che hanno creato dei cocktail che fanno da trait d’union tra le rispettive città. Nascono così “Il Sentiero degli Dei”, “Milleculure”, “Via Pier” e “Maple Old Fashioned”. Le fonti di ispirazione dei primi due cocktail, che saranno inseriti nella nuova drink list del Mag, sono la Costiera Amalfitana e Napoli. Ecco le ricette dei 4 cocktail che saranno presentati lunedì 15 aprile nel corso di una serata d’eccezione che si svolgerà presso l’Archivio Storico a Napoli.

Il Sentiero degli Dei

Kyro Napue Gin, Marmellata di mirtilli, Mix di spezie, Aceto di vino bianco e Acido citrico

sentiero degli dei
Il Sentiero degli Dei

Milleculure

Rum Veritas, Tequila Casamigos, Pasta di Mandorle, Limoncello Villa Massa, Limone e Acqua di Fiori d’Arancio

Via Pier

Rum Cashcane, L’Amaro di Farmily e Campari

Maple Old Fashioned

Farmily Asia, Maple Spirit, Sciroppo di Negroni, Assenzio e Old Fashion Bitter

Articolo precedenteIl Greco di Tufo protagonista alla Trattoria dell’Oca
Articolo successivoAd Amalfi la Fusion Mediterranea degli chef Natale Giunta e Vittorio Castellani
Redazione di Eroi del Gusto

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.