Apre l’Osteria di Meleto: il luogo del “buono”

0
Osteria di Meleto

A Gaiole in Chianti al posto dell’antica fornace

Un ambiente affascinante dove assaporare, dalle 11 del mattino a tarda sera, i piatti della tradizione toscana fatti con prodotti del territorio a filiera corta, talvolta a “metro zero”. Questo sarà l’Osteria Meleto, aperta ai piedi del Castello. Situata nella vecchia fornace che, in passato, serviva per cuocere i mattoni usati per costruire gran parte dei casali di Gaiole, l’Osteria offrirà un’accoglienza calda, grazie alla guida di Jonathan Rampi e Lara Valentini, già proprietari de La Casa del Buono di Terranuova Bracciolini (AR), unica osteria toscana a essere stata inserita nel libro edito da Slow Food “Ostinati”, che racconta 15 storie di osti resilienti.

“La nostra scelta è stata selezionare dei professionisti del settore che con noi condividono la scelta di valorizzare i prodotti toscani con un’attenzione particolare all’ambiente – Afferma Michele Contartese, direttore generale di Castello di Meleto – Abbiamo quindi scelto dei partner giovani e entusiasti, come lo siamo noi ogni giorno nel nostro lavoro”. Accanto a Jonathan Rampi in cucina ci sono Lara Valentini e Alessio Corazzi in sala, tutti under 40.

Osteria di Meleto

“Gli osti, quelli veri, si prendono cura del cliente ma anche dell’ambiente, scegliendo i produttori e i prodotti, preservano conoscenze che altrimenti andrebbero perdute, tengono vivo il legame con il territorio e la propria comunità”. Così si legge nella prefazione del libro Ostinati e così viene descritto Jonathan. Una descrizione che ha molti tratti in comune con il ruolo di Castello di Meleto.

“Abbiamo scelto di intraprendere questo nuovo percorso, che si affianca a La Casa del Buono, perché con Castello di Meleto condividiamo la filosofia, teniamo al territorio e all’economia locale – afferma Jonathan Rampi – Coltiviamo il nostro orto, conosciamo per nome i nostri fornitori, tutti in terra toscana, prestiamo attenzione all’ambiente, tanto che la nostra è una Agri-osteria”.

Tra i prodotti di Castello di Meleto che saranno utilizzati e valorizzati in cucina: il miele, l’olio extravergine di oliva e naturalmente i vini.

Articolo precedenteUnionbirrai, nuova collaborazione con il World Gluten Free Beer Award
Articolo successivoAsiago DOP stellato al Great Taste Awards 2022
Redazione di Eroi del Gusto

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.