Carso o Carso-Kras DOC

0
uva

Il vino Carso o Carso-Kras DOC è un vino prodotto nelle province di Trieste e Gorizia nella Regione Friuli-Venezia Giulia

La denominazione di origine controllata Carso o Carso – Kras è riservata ai vini che rispondono alle condizioni e ai requisiti prescritti dal disciplinare di produzione per le seguenti tipologie:

Carso o Carso Rosso o Carso – Kras o Carso- Kras Rosso, anche riserva, Carso o Carso – Kras Chardonnay, Carso o Carso – Kras Glera, Carso o Carso – Kras Malvasia, anche riserva (da Malvasia istriana), Carso o Carso – Kras Pinot grigio, Carso o Carso – Kras Sauvignon, anche riserva, Carso o Carso – Kras Traminer, Carso o Carso – Kras Vitouska, anche riserva, Carso o Carso – Kras Cabernet franc, Carso o Carso – Kras Cabernet sauvignon, Carso o Carso – Kras Merlot, anche riserva, Carso o Carso – Kras Refosco dal peduncolo rosso, anche riserva, Carso o Carso – Kras Terrano, anche riserva.

La specificazione Classico è consentita per i vini della zona di origine più antica e per la seguente tipologia: Carso o Carso – Kras Terrano classico, anche riserva.

La denominazione di origine controllata è riservata ai vini ottenuti da uve di vigneti aventi, in ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:

Carso o Carso – Kras con uno dei seguenti riferimenti di vitigno:

Chardonnay, Glera, Malvasia (da Malvasia istriana), Pinot grigio, Sauvignon, Traminer, Vitouska, Cabernet franc, Cabernet sauvignon, Merlot, Refosco dal peduncolo rosso e Terrano anche con la specificazione Classico, devono essere ottenuti dalle uve provenienti dai corrispondenti vitigni presenti per almeno l’85%; per la restante parte possono concorrere, fino a un massimo del 15% le uve di altri vitigni a bacca di colore analogo, non aromatiche, idonei alla coltivazione per le province di Trieste e di Gorizia.

Il vino a denominazione di origine controllata Carso o Carso – Kras, con o senza la qualificazione Rosso è riservata al vino ottenuto, in ambito aziendale, dalle uve provenienti dai vigneti composti per almeno il 70% dal vitigno Terrano; per la restante parte possono concorrere alla produzione di detto vino le uve provenienti dai vitigni a bacca rossa, idonei alla coltivazione per le province di Trieste e di Gorizia, da soli o congiuntamente, presenti nei vigneti fino ad un massimo del 30%.

Le condizioni ambientali dei vigneti destinati alla produzione dei vini Carso o Carso – Kras devono essere quelle tradizionali della zona stessa e atte a conferire alle uve le specifiche caratteristiche di qualità.

Carso o Carso-Kras DOC

RegioneFriuli Venezia Giulia
ProvinciaTrieste e Gorizia
DenominazioneCarso o Carso-Kras DOC
Anno di registrazioneDOC dal 17.07.1985
TipologiaCarso o Carso - Kras Chardonnay
Carso o Carso - Kras Glera
Carso o Carso - Kras Malvasia, anche riserva (da Malvasia istriana)
Carso o Carso - Kras Pinot grigio
Carso o Carso - Kras Sauvignon, anche riserva Carso o Carso - Kras Traminer
Carso o Carso - Kras Vitouska, anche riserva
Carso o Carso – Kras Rosso, anche riserva
Carso o Carso - Kras Cabernet franc
Carso o Carso - Kras Cabernet sauvignon
Carso o Carso - Kras Merlot, anche riserva
Carso o Carso - Kras Refosco dal peduncolo rosso, anche riserva
Carso o Carso - Kras Terrano, anche riserva
Carso o Carso - Kras Terrano Classico, anche riserva
Base ampelograficaCarso o Carso - Kras con uno dei seguenti riferimenti di vitigno:
Chardonnay, Glera, Malvasia (da Malvasia istriana), Pinot grigio, Sauvignon, Traminer, Vitouska, Cabernet franc, Cabernet sauvignon, Merlot, Refosco dal peduncolo rosso e Terrano anche con la specificazione Classico, devono essere ottenuti dalle uve provenienti dai corrispondenti vitigni presenti per almeno l’85%; per la restante parte possono concorrere, fino a un massimo del 15% le uve di altri vitigni a bacca di colore analogo, non aromatiche, idonei alla coltivazione per le province di Trieste e di Gorizia.
Il vino a denominazione di origine controllata Carso o Carso - Kras, con o senza la qualificazione Rosso è riservata al vino ottenuto, in ambito aziendale, dalle uve provenienti dai vigneti composti per almeno il 70% dal vitigno Terrano; per la restante parte possono concorrere alla produzione di detto vino le uve provenienti dai vitigni a bacca rossa, idonei alla coltivazione per le province di Trieste e di Gorizia, da soli o congiuntamente, presenti nei vigneti fino ad un massimo del 30%
Zona di raccolta uveIntero territorio amministrativo dei seguenti comuni in provincia di Trieste: Trieste, Duino-Aurisina, Monrupino, Muggia, San Dorligo della Valle e Sgonico nonché l’intero territorio del comune di Doberdò del Lago e parte di quello dei comuni di Monfalcone, Ronchi dei Legionari, Fogliano-Redipuglia, Sagrado e Savogna d’Isonzo in provincia di Gorizia
ImbottigliamentoStesso territorio amministrativo delle zone di raccolta delle uve
Bottiglia e tappoI vini possono essere immessi al consumo solamente in recipienti di vetro di volume nominale fino a 18 litri
Articolo precedenteVino Chianti, continua trend positivo vendite: +14% su 2020, +8% su 2019
Articolo successivoDishcovery presenta la soluzione per la realizzazione del menu digitale in autonomia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.