Contro gli aumenti, Fruitimprese annuncia iniziative a tutela della filiera

0
Fruitimprese

Le imprese del settore ortofrutticolo sono in questi giorni alle prese con la preparazione dei listini del primo trimestre del 2022 e gli operatori stanno incontrando enormi difficoltà a far quadrare i budget a causa degli aumenti dei costi delle materie prime e dei servizi che sono di dominio pubblico.

In un settore in cui il valore intrinseco del prodotto è tra i più ridotti dell’agroalimentare e dove una differenza di 10 centesimi al kg è dirimente tra una campagna positiva ed una disastrosa, gli operatori si trovano a dover fronteggiare aumenti dei costi dei fattori di produzione tra il 15 e 20% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Ci riferiamo ad incrementi di costo facilmente misurabili come il carburante e l’energia, ma anche a fattori specifici del settore come gli imballaggi (che spesso costano più del prodotto stesso) i concimi ed i noli che stanno obbligando compagnie storiche dell’esportazione a rinunciare a rifornire i mercati d’oltremare che non risultano più remunerativi.

La Giunta di Fruitimprese, riunitasi nei giorni scorsi, ha deciso la messa in campo di una serie di iniziative per rendere nota all’opinione pubblica la realtà con dati ed esempi concreti.

A nostro avviso non si può pretendere che in una fase inflattiva come quella attuale, peraltro facilmente prevedibile, l’onere debba ricadere esclusivamente o in larga parte sugli anelli più a monte della filiera dell’ortofrutta fresca.

I nostri prodotti non sono stoccabili e non ci sono concesse le alternative di approvvigionamento e dismissione che sono appannaggio del resto dei settori agroalimentari.

La frutta e la verdura sono un bene primario per le famiglie e ne va garantita la fornitura al giusto prezzo per tutti, altrimenti anche la qualità e la salubrità dei prodotti viene messa in pericolo.

Fruitimprese si rende disponibile ad un confronto serio e costruttivo con le altre componenti della filiera per addivenire ad una soluzione condivisa che preveda una distribuzione sostenibile dell’impatto degli aumenti dei costi di produzione che l’ortofrutta nazionale e di importazione sta subendo.

Fruitimprese

Costituita nel 1935 e assunta nel 1949 la forma di Associazione, Fruitimprese riunisce le imprese ortofrutticole italiane, svolgendo un ruolo fondamentale per favorire lo sviluppo delle aziende impegnate nell’attività di export-import, in un settore che contribuisce in maniera rilevante all’affermazione del “Made in Italy” nel mondo. Fruitimprese è al fianco degli associati in una fase di costante evoluzione dello scenario economico internazionale e di crescente competizione tra i protagonisti del mercato. Le aziende associate sono oltre 300, per un fatturato complessivo di 6 miliardi di euro, di cui 2 miliardi di fatturato export.

Articolo precedenteVietti lancia il suo personale Calendario dell’Avvento
Articolo successivoValle Agricola lancia le De.Co.: origano, lenticchie e tarallo fra i prodotti del paniere
Redazione di Eroi del Gusto

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.