Emilia Romagna, agricoltura. M5S: “Incentivi per staffetta generazionale”

0
agricoltura

Interrogazione in Regione da parte del gruppo consiliare: “Serve ricambio tra lavoratori esperti e più giovani. Mettere in campo misure per sostenere competitività aziende agricole”

EMILIA ROMAGNA. Sostenere il ricambio generazionale nelle imprese agricole e favorire l’ampliamento di quelle di nuova costituzione o condotte da giovani, con sgravi fiscali e incentivi per la cosiddetta “staffetta generazionale”. L’ha chiesto il Movimento 5 Stelle.

Secondo i pentastellati si potrebbe concedere la possibilità a chi ha più di 55 anni di età di “offrire parte della sua occupazione” a un giovane con età inferiore ai 30 anni. Attraverso la sottoscrizione di un contratto di lavoro a tempo parziale per ciascuno. Il lavoratore più anziano per ridurre il suo rapporto di lavoro di almeno un 40% del normale orario di lavoro, il giovane neoassunto coprirebbe l’orario di lavoro che è stato ridotto al lavoratore anziano.

“Così si garantirebbe un raddoppio del carico occupazionale aziendale per il primo periodo”. Si legge nell’atto ispettivo, che continua: “L’acquisizione di competenze al neoassunto e il ricambio generazionale nella seconda fase. Quando il lavoratore senior andrà in pensione, fase in cui il nuovo assunto avrà la piena padronanza della mansione lavorativa, oltre all’incremento orario”.

Investimenti importanti e costi per la terra rendono difficile le imprese di giovani

Insomma, una soluzione che per i consiglieri M5S “promuoverebbe la creazione di posti di lavoro. Oltre a portare alla graduale uscita dal sistema produttivo dei lavoratori anziani”. Questo considerando che “per avviare un’attività agricola occorrono investimenti importanti, difficilmente accessibili per un giovane. Malgrado la riduzione del prezzo della terra, le compravendite continuano a essere limitate a causa delle prospettive incerte di alcuni comparti produttivi, oltre che alla volatilità dei mercati agricoli”.

Per questo il M5s chiede alla giunta di “avviare specifiche misure volte a facilitare il ricambio generazionale nelle imprese adeguatamente dimensionate”. Di favorire “l’ampliamento delle imprese condotte da giovani, ma con dimensioni economiche troppo modeste o con problemi strutturali ancora irrisolti”. Di sostenere l’accesso in agricoltura di “forze imprenditoriali provenienti da altri settori, attraverso lo strumento della staffetta generazionale avviando misure che sostengano tale pratica (incentivi e sgravi previdenziali ed assicurativi)”. Di incentivare l’occupazione nelle imprese agricole “attraverso la staffetta generazionale dei lavoratori subordinati dell’impresa con incentivi economici dedicati a rendere fattibile tale soluzione”. Di “avviare azioni volte a sostenere la competitività delle imprese agricole di nuova costituzione”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.