Gaglio, Haziri, Romano e Sisti: così si celebrano gli abbinamenti piatti – cocktail

0
Giardini del Massimo

Ai Giardini del Massimo di Palermo la cena dedicata al pairing tra i piatti preparati da due grandi chef con le creazioni di due bartender. E si scopre la “cucina liquida”

Un matrimonio perfetto si è celebrato ai Giardini del Massimo, il nuovo ristorante inaugurato qualche tempo fa all’interno di uno dei teatri più belli del mondo. A Palermo è andata in scena, è il caso di dire, una serata da grandi piatti e cocktail ricercatissimi. Protagonisti quattro “geni” della cucina e del mondo della mixologist. Gianvito Gaglio, resident chef dei Giardini del Massimo, che ha ospitato il collega e amico Emin Haziri, chef del ristorante una stella Michelin Bistrot Cannavacciuolo di Torino.

I due si conoscono proprio dai tempi dell’accademia di Antonino Cannavacciuolo, frequentata quando il mondo della cucina era un sogno che stava per avverarsi. A poca distanza, a lavorare fianco a fianco, c’erano Leonardo Romano, bartender dei Giardini del Massimo e Filippo Sisti Mixology Specialist di Compagnia dei Caraibi, l’inventore della “cucina liquida”. Insieme hanno creato cocktail perfetti per i piatti ideati dai due chef. La cena è stata organizzata da Compagnia dei Caraibi in collaborazione con Palermo Chef&Mixologist Dinners: Spettacolari Cene in Compagnia e aveva un feel rouge molto chiaro: valorizzare i prodotti del territorio e renderli più internazionali.

Sui tavoli dei commensali presenti, dunque, dal polpo, caponata e patata dolce allo sgombro, barbabietola e yogurt, per passare poi al riso, burro affumicato, carbone vegetale e limone salato e i cavatelli allo zafferano, prosciutto di alalunga e maialino nero dei Nebrodi. Di impatto visivo e gustativo l’assoluto di nero, una seppia con il suo nero che ha lasciato senza parole i presenti. Per poi finire in bellezza con vaniglia, frutto della passione e lamponi. Accanto ai piatti, le creazioni di Romano e Sisti, noto per essere un bartender sui generis, anzi, come dice lui, “con tanto di divisa da chef”. Perché per i suoi cocktali usa sia tecniche della cucina che quelle tipiche del bartending. Usa forni, piastre, affumicatori e abbattitori. Il risultato sono creazioni dai sapori perfettamente bilanciati e in armonia. E i bicchieri vuoti hanno confermato la bontà dei cocktail di Sisti.

“Una serata all’insegna della crescita professionale, non solo mia, ma anche della brigata – dice Gianvito Gaglio – Mi piace tantissimo questa sorta di gemellaggio con altri colleghi. Sono davvero contento del percorso che si sta facendo qui a Palermo. Un buon trampolino per permetterci di continuare a crescere e imparare”. “La mia prima volta a Palermo e devo dire che è stato molto bello – dice Haziri – Gianvito non è solo un collega, è un amico. Una serata bellissima e i piatti sono usciti bene. La location è fantastica. Io, come sapete, sono cultore di pochi ingredienti nei miei piatti: tre, quattro, ma spinti al massimo”.

“Una proposta che la città merita – prosegue Romano – Bisogna alzare il livello della miscelazione e della proposta gastronomica. C’è la necessità di alzare ancora di più l’obiettivo e proporre questo tipo di pairing, abbattendo i muri e le convinzioni che i piatti vadano solo abbinati ai vini. Si possono bere cocktail mangiando primi, secondi o dessert”. “La mia cucina liquida? – dice Sisti – Uso semplicemente tecniche di cucina al bar, quindi manipolo la materia prima come fossi uno chef. I miei drink sono molto complessi, con ore e ore di preparazione. Io spingo sempre di più, cerco di far provare emozioni nuove ai miei clienti, creando, magari sapori nuovi utilizzando però materie prime comuni”.

Articolo precedenteCannonau Riserva Antonella Corda, le note inesplorate della Sardegna
Articolo successivoLa cattedrale di sale di Realmonte: un tesoro 30 metri sotto il livello del mare
Redazione di Eroi del Gusto

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.