Il pizzaiolo casertano Francesco Di Ceglie in lizza al Leone d’Oro

0
Francesco Di Ceglie

L’imprenditore di Caserta in nomination a Venezia per l’Imprenditoria e la Professionalità

CASERTA. Francesco Di Ceglie, pizzaiolo appartenente all’Associazione Mani d’Oro, continua a mietere successi e a conquistare premi e riconoscimenti prestigiosi. Nel pomeriggio di ieri, venerdì 25 ottobre 2019, infatti, il giovane talento casertano, le cui doti sono state apprezzate e riconosciute anche dall’Unione Pizzerie Storiche Napoletane “Le Centenarie”, è entrato in nomination per il Leone d’Oro per l’Imprenditoria, ricevendo il prestigioso riconoscimento speciale dell’Ordine del Leone d’Oro del Gran Premio Internazionale di Venezia, che dal 1947 premia le Arti e l’Imprenditoria.  Di Ceglie è stato convocato dal Comitato dell’Ordine del Gran Premio, presieduto da Sileno Candelaresi, per la cerimonia che ha avuto luogo a Venezia, presso lo storico Palazzo Balbi, sede della Regione Veneto.

Il Leone d’Oro per l’Imprenditoria e la Professionalità rappresenta un premio importante che negli anni precedenti è andato a brand di eccellenza come Rana, Beretta e Barilla, solo per citarne alcuni. Mentre, ieri, a comporre l’autorevole parterre vi erano personalità di spicco come Fabio Capello (nella foto sotto con Francesco Di Ceglie) e Gianni Rivera.

Francesco Di Ceglie

Francesco Di Ceglie, titolare della Pizzeria “Il Monfortino” di Caserta, vincitore della IV edizione del Trofeo Pulcinella nel 2018, competizione internazionale riservata a 100 pizzaioli provenienti da tutto il mondo, si sta affermando come ambasciatore della Pizza Napoletana ed il suo locale – Il Monfortino – sta diventando un punto di riferimento per gli amanti e gli esteti della tradizione. Un lavoro meticoloso e certosino che non è passato inosservato nemmeno allo sguardo attento e prestigioso dell’Unione Pizzerie Storiche Napoletane “Le Centenarie”, infatti, la scorsa estate, una delegazione guidata dal presidente Antonio Starita, si recò presso la pizzeria Il Monfortino di Caserta e consegnò nelle mani di Di Ceglie un’antica stufa portapizze in rame, simbolo della tradizione, per la sua capacità di esaltare il gusto, i valori e le proprietà della vera pizza napoletana, anche fuori i confini della città di Napoli, diventando così “Ambasciatore” della pizza napoletana.

“Ricevere la nomination per il Leone d’Oro per l’Imprenditoria è motivo di grande soddisfazione e rappresenta uno stimolo a fare meglio e a mantenere alti i valori della Pizza Napoletana che, lo voglio ricordare, è patrimonio Unesco – afferma Francesco Di Ceglie – Il riconoscimento speciale che l’Ordine del Leone d’Oro del Gran Premio Internazionale di Venezia ha inteso conferire alla mia persona, voglio condividerlo con tutta la squadra del Monfortino, in quanto premia i nostri sacrifici, invogliandoci a mantenere sempre standard in linea con i dettami della tradizione”.

leone d'Oro

“La nostra Associazione si pone tra i propri obiettivi quello di rafforzare la visibilità di realtà giovani che lavorano con dignità e onestà, nel rispetto dei valori della tradizione – dichiara Attilio Albachiara, presidente dell’Associazione Mani d’Oro – Ci inorgoglisce non poco che Francesco Di Ceglie, nostro associato, sta dimostrando che anche lontano da Napoli è possibile difendere e promuovere la vera pizza napoletana. I numeri, in costante crescita, del suo locale sono ormai una case history di successo del mondo pizza e non solo, un esempio brillante di capacità di coniugare il saper fare impresa con il rispetto dei valori della pizza tradizionale napoletana, che esigono il mantenimento costante di elevati standard di qualità”.

Il Presidente dell’Associazione Mani d’Oro Attilio Albachiara sarà impegnato sabato 26 e domenica 27 ottobre nell’ambito dell’evento Città della Pizza Milano, una kermesse di prestigio, in programma presso Fabbrica Orobie, che coinvolgerà alcuni dei migliori pizzaioli d’Italia accuratamente selezionati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.