Lambrusco di Sorbara DOC

0

Il vino Lambrusco di Sorbara DOC è un vino prodotto nella provincia di Modena nella Regione Emilia Romagna

La denominazione di origine controllata Lambrusco di Sorbara è riservata ai vini rossi e rosati che rispondono alle condizioni ed ai requisiti prescritti dal disciplinare di produzione per le seguenti tipologie: Lambrusco di Sorbara rosso spumante; Lambrusco di Sorbara rosato spumante; Lambrusco di Sorbara rosso frizzante e Lambrusco di Sorbara rosato frizzante.

La denominazione di origine controllata Lambrusco di Sorbara è riservata ai vini spumanti e ai vini frizzanti ottenuti dalle uve provenienti dai vigneti aventi, in ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:

Lambrusco di Sorbara: minimo 60%, Lambrusco Salamino: massimo 40%; altri Lambruschi, da soli o congiuntamente fino a un massimo del 15%.

Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini a d.o.c. Lambrusco di Sorbara devono essere quelle tradizionali della zona e, comunque, atte a conferire alle uve ed al vino derivato le specifiche caratteristiche di qualità. È ammessa l’irrigazione di soccorso.

Lambrusco di Sorbara DOC

RegioneEmilia Romagna
ProvinciaModena
DenominazioneLambrusco di Sorbara DOC
Anno di registrazioneDOC dal 01.05.1970
TipologiaLambrusco di Sorbara rosso spumante
Lambrusco di Sorbara rosato spumante
Lambrusco di Sorbara rosso frizzante
Lambrusco di Sorbara rosato frizzante
Base ampelograficaLambrusco di Sorbara: minimo 60%, Lambrusco Salamino: massimo 40%; altri Lambruschi, da soli o congiuntamente fino a un massimo del 15%
Zona di raccolta uveIntero territorio amministrativo dei comuni di Bastiglia, Bomporto, Nonantola, Ravarino, San Prospero e parte del territorio amministrativo dei comuni di Campogalliano, Camposanto, Carpi, Castelfranco Emilia, Modena, Soliera, San Cesario sul Panaro
ImbottigliamentoStesso territorio amministrativo delle zone di raccolta delle uve
Bottiglia e tappoI vini designati con la denominazione di origine controllata Lambrusco di Sorbara devono
essere immessi al consumo in idonee bottiglie di vetro aventi la capacità non superiore a litri 0,750.
In considerazione della consolidata tradizione è consentita la commercializzazione di vino,
avente un residuo zuccherino minimo di 5 grammi per litro, necessario alla successiva
fermentazione naturale in bottiglia, con la D.O.C. Lambrusco di Sorbara purché detto prodotto sia
confezionato in contenitori non a tenuta di pressione di capacità da 10 a 60 litri.
Per i vini frizzanti a denominazione di origine controllata Lambrusco di Sorbara, Sono
consentiti i tipi di chiusura ammessi per i vini frizzanti, compresa la chiusura con tappo a fungo
ancorato, tradizionalmente usato nella zona, con eventuale capsula di altezza non superiore a 7 cm,
escluso il tappo a corona. L'utilizzo del tappo a corona è ammesso solamente nel confezionamento
di contenitori aventi la capacità di litri 0,200 e litri 0,375. I vini spumanti a denominazione di
origine controllata «Lambrusco di Sorbara», devono essere immessi al consumo esclusivamente con il tappo a fungo ancorato a gabbietta e capsula. Per bottiglie con contenuto nominale non superiore a cl 20 è ammesso altro dispositivo di chiusura adeguato

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.