Morellino di Scansano DOCG

0
uva

Il Morellino di Scansano DOCG è un vino prodotto nella provincia di Grosseto nella Regione Toscana

La denominazione di origine controllata e garantita Morellino di Scansano, anche nella tipologia con la menzione Riserva, è riservata ai vini rossi che rispondono alle condizioni ed ai requisiti stabiliti dal disciplinare di produzione.

I vini a denominazione di origine controllata e garantita Morellino di Scansano devono essere ottenuti dalle uve provenienti da vigneti composti, nell’ambito aziendale, dai seguenti vitigni: Sangiovese: minimo 85 %.

Possono concorrere alla produzione di detti vini altri vitigni a bacca nera, non aromatici, idonei alla coltivazione nella regione Toscana, iscritti nel registro nazionale delle varietà di vite per uve da vino approvato con D.M. 7 maggio 2004, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n° 242 del 14 ottobre 2004, e successivi aggiornamenti, fino ad un massimo del 15%.

Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini a denominazione di origine controllata e garantita Morellino di Scansano devono essere quelle tradizionali della zona e comunque atte a conferire alle uve ed al vino le specifiche caratteristiche di qualità. Sono pertanto da considerarsi idonei unicamente i terreni collinari di buona esposizione con esclusione di quelli di fondo valle.

Morellino di Scansano DOCG

RegioneToscana
ProvinciaGrosseto
DenominazioneMorellino di Scansano DOCG
Anno di registrazioneDOC dal 06.01.1978
DOCG dal 14.11.2006
TipologiaMorellino di Scansano
Morellino di Scansano riserva
Base ampelograficaSangiovese: minimo 85 %.
Possono concorrere alla produzione di detti vini altri vitigni a bacca nera, non aromatici, idonei alla coltivazione nella regione Toscana, fino ad un massimo del 15%
Zona di raccolta uveScansano e parte dei territori comunali di Manciano, Magliano in Toscana, Grosseto, Campagnatico, Semproniano e Roccalbegna
ImbottigliamentoStesso territorio amministrativo delle zone di raccolta delle uve
Bottiglia e tappoImmessi al consumo in recipienti di vetro del tipo bordolese. Le tipologie dei contenitori nelle varie pezzature, tappate secondo la normativa vigente, devono essere le seguenti: lt. 0,100; lt. 0,1875; lt. 0,250; lt. 0,375; lt. 0,500; lt. 0,750; lt. 1,000; lt. 1,500; lt. 3,000; lt. 5,000, ed altre pezzature di capienza superiore non destinate alla vendita. Per contenitori di vetro con capacità pari o inferiori a lt. 0,250 è ammesso l'utilizzo del tappo a vite

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.