Rada Rooftop: cena con vista su Positano e cucina sotto le stelle

0
Nunzio Spagnuolo

I nuovi piatti dello chef Nunzio Spagnuolo: panzanella con moka al pomodoro, sorbetto alla pesca con champagne… Evoluzioni tra ricerca e ricordo

La cucina a vista è una delle tendenze più in voga nel mondo del fine dining: in un’epoca in cui gli chef e il loro lavoro sono protagonisti della vita sociale e culturale, vere e proprie icone pop dei nostri tempi, lo show cooking – per dirla alla maniera anglosassone – è una piacevole forma d’intrattenimento che accresce l’esperienza che si può vivere in un locale, dando al pubblico l’opportunità, durante il pasto, di divertirsi osservando i movimenti esperti dello chef e della sua brigata.

Al “Rada Rooftop” di Positano è possibile assistere ad una spettacolare performance di arte culinaria; il locale (situato sulla sommità della grotta del celebre “Music on the Rocks”), che l’anno scorso è rimasto chiuso in via precauzionale a causa della pandemia in corso, ha fatto, quindi, del “cucinare a vista” un tratto distintivo. Per l’allestimento degli ambienti Gianfranco e Peppe Russo, ideatori del progetto, hanno puntato sull’emozione: una scenografica cucina a vista su cui si affacciano, come in un anfiteatro, pochi tavoli da cui poter ammirare contemporaneamente l’arte della preparazione dei piatti e il panorama più bello di Positano in un legame unico con il cielo e il mare.

Cenare al “Rada Rooftop” è un’esperienza che va oltre quella culinaria e diventa una vera e propria performance artistica durante la quale la brigata dello chef Nunzio Spagnuolo prepara i piatti che hanno reso celebre lui e il locale in tutto il mondo – come il “Black Cod” con profumi d’arancio e zenzero, baby porri arrostiti, patata al rafano e fumetto al Pernod, oppure il “Lingotto d’oro”, un dessert realizzato con un croccante di riso soffiato salato e tre cremosi a base di cioccolati selezionatissimi (fondente, al latte e bianco) ricoperto con una glassa al cioccolato e una foglia d’oro 24 carati – e quelli di più recente interpretazione, sempre contraddistinti da un’alchimia perfetta tra innovazione e tradizione, come l’elica con tartufi di mare, asparagi  e parmigiano, oppure i gamberi rossi tiepidi con tabasco, mango, cocco e ravanello.

Il poliedrico chef Nunzio Spagnuolo ama giocare con gli ingredienti della tradizione per risvegliare, con espedienti insoliti e tecniche contemporanee, antiche sensazioni e ricordi d’infanzia. Lo fa ad esempio attraverso la panzanella con sashimi di dentice e moka al pomodoro, che viene servita ai tavoli del “Rada Rooftop” accompagnata da una caffettiera contenente un caffè al pomodoro che viene versato sul piatto. Oppure con il pre dessert: un sorbetto alla pesca con champagne che rievoca la tanto amata “sangria napoletana”, ovvero il vino con le pesche.

Articolo precedentePassioni ad “alta quota”, a Nusco nasce la cantina Poderi Visone
Articolo successivoMosnel, tutti gli appuntamenti per il festival franciacorta
Redazione di Eroi del Gusto

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.