Soave DOC

0

Il vino Soave DOC è un vino prodotto nella provincia di Verona nella Regione Veneto

La denominazione di origine controllata Soave è riservata ai vini Soave (anche in versione spumante) e Soave con i riferimenti delle sottozone classico e Colli Scaligeri, che rispondono alle condizioni ed ai requisiti stabiliti dal disciplinare di produzione.

I vini a denominazione di origine controllata Soave devono essere ottenuti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, nell’ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica: Garganega: almeno il 70%; Trebbiano di Soave (nostrano) e Chardonnay: massimo 30%; In tale ambito del 30% possono altresì concorrere, fino ad un massimo del 5%, le uve provenienti dai vitigni a bacca bianca, non aromatici, idonei alla coltivazione per la provincia di Verona.

Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini a denominazione controllata Soave devono essere quelle tradizionali della zona e, comunque, atte a conferire alle uve e al vino derivato le specifiche caratteristiche.

Soave DOC

RegioneVeneto
ProvinciaVerona
DenominazioneSoave DOC
Anno di registrazioneDOC dal 21.08.1968
TipologiaSoave, Soave Classico e Soave Colli Scaligeri
Soave spumante
Base ampelograficaGarganega: almeno il 70%; Trebbiano di Soave (nostrano) e Chardonnay: massimo 30%; In tale ambito del 30% possono altresì concorrere, fino ad un massimo del 5%, le uve provenienti dai vitigni a bacca bianca, non aromatici, idonei alla coltivazione per la provincia di Verona
Zona di raccolta uveComuni di Soave, Monteforte d'Alpone, San Martino Buon Albergo, Mezzane di Sotto, Roncà, Montecchia di Crosara, San Giovanni Ilarione, San Bonifacio, Cazzano di Tramigna, Colognola ai Colli, Caldiero, Illasi e Lavagno
ImbottigliamentoStesso territorio amministrativo delle zone di raccolta delle uve
Bottiglia e tappoI vini a denominazione di origine controllata Soave, Soave classico e Soave Colli Scaligeri devono essere immessi al consumo in contenitori di vetro tradizionale con abbigliamento consono ai caratteri di pregio di tali produzioni.
Fino a 5 litri è obbligatorio l’uso delle tradizionali bottiglie chiuse con tappo raso bocca, oppure con tappo a vite con capsula a vestizione lunga e con tappo di vetro.
Per la sola tipologia Soave, senza alcuna specificazione aggiuntiva, è inoltre consentito l'uso dei contenitori alternativi al vetro costituiti da un otre in materiale plastico pluristrato di polietilene e poliestere racchiuso in un involucro di cartone o di altro materiale rigido, nei volumi da 2 a 5 litri
Articolo precedenteLabrenta: con Adamello rivive il tappo della grande guerra
Articolo successivoSoave spumante

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.