Colli Bolognesi DOC

0

Il vino Colli Bolognesi DOC è un vino prodotto nelle province di Bologna e Modena nella Regione Emilia-Romagna

La denominazione di origine controllata Colli Bolognesi è riservata ai vini che rispondono alle condizioni e ai requisiti prescritti dal disciplinare di produzione, per le seguenti tipologie:

Colli Bolognesi Barbera, anche nelle versioni Frizzante e Riserva; Colli Bolognesi Merlot; Colli Bolognesi Cabernet Sauvignon; Colli Bolognesi Pignoletto, esclusivamente nelle versioni Superiore, Frizzante, Spumante e Passito (anche da uve stramature); Colli Bolognesi Chardonnay; Colli Bolognesi Sauvignon; Colli Bolognesi Riesling Italico; Colli Bolognesi Pinot Bianco.

La denominazione di origine controllata Colli Bolognesi seguita dalle specificazioni di vitigno: Barbera, anche nelle versioni Frizzante e Riserva; Merlot; Cabernet Sauvignon; Pignoletto, esclusivamente nelle versioni Superiore, Frizzante, Spumante e Passito (anche da uve stramature); Chardonnay; Sauvignon; Riesling Italico;

Pinot Bianco, nelle diverse tipologie previste, è riservata ai vini ottenuti da uve provenienti da vigneti composti, in ambito aziendale, dai corrispondenti vitigni per almeno l’85%. Possono concorrere alla produzione di ognuno di detti vini anche le uve dei vitigni a bacca di colore analogo, non aromatici, di cui all’elenco della regione Emilia-Romagna delle varietà di vite per uva da vino, presenti nei vigneti in ambito aziendale, da soli o congiuntamente, fino ad un massimo del 15%.

Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini a denominazione di origine controllata Colli Bolognesi devono essere quelle collinari, tipiche della zona di produzione, e comunque atte a conferire alle uve ed ai vini le specifiche caratteristiche di qualità.

Colli Bolognesi DOC

RegioneEmilia-Romagna
ProvinciaBologna e Modena
DenominazioneColli Bolognesi DOC
Anno di registrazioneDOC dal 29.07.1975
TipologiaColli Bolognesi Barbera
Colli Bolognesi Barbera frizzante
Colli Bolognesi Barbera riserva
Colli Bolognesi Merlot
Colli Bolognesi Cabernet Sauvignon
Colli Bolognesi Pignoletto superiore
Colli Bolognesi Pignoletto frizzante
Colli Bolognesi Pignoletto spumante
Colli Bolognesi Pignoletto passito
Colli Bolognesi Chardonnay
Colli Bolognesi Sauvignon
Colli Bolognesi Riesling italico
Colli Bolognesi Pinot bianco
Base ampelograficaLa denominazione di origine controllata Colli Bolognesi seguita dalle specificazioni di vitigno: Barbera, anche nelle versioni Frizzante e Riserva; Merlot; Cabernet Sauvignon; Pignoletto, esclusivamente nelle versioni Superiore, Frizzante, Spumante e Passito (anche da uve stramature); Chardonnay; Sauvignon; Riesling Italico;
Pinot Bianco, nelle diverse tipologie previste, è riservata ai vini ottenuti da uve provenienti da vigneti composti, in ambito aziendale, dai corrispondenti vitigni per almeno l'85%.
Possono concorrere alla produzione di ognuno di detti vini anche le uve dei vitigni a bacca di colore analogo, non aromatici, di cui all'elenco della regione Emilia-Romagna delle varietà di vite per uva da vino, presenti nei vigneti in ambito aziendale, da soli o congiuntamente, fino ad un massimo del 15%.
Zona di raccolta uveIn provincia di Bologna, l'intero territorio collinare situato nei comuni di Monteveglio, Castello di Serravalle, Monte San Pietro, Sasso Marconi, Savigno, Marzabotto, Pianoro e quello situato in parte nei comuni di Bazzano, Crespellano, Casalecchio di Reno, Bologna, S. Lazzaro di Savena, Zola Predosa e Monterenzio;
In provincia di Modena parte del territorio amministrativo del comune di Savignano sul Panaro
ImbottigliamentoStesso territorio amministrativo delle zone di raccolta delle uve
Bottiglia e tappoI vini designati con la denominazione di origine controllata Colli Bolognesi devono essere immessi al consumo in contenitori che rispondono per forma, materiale, colore, capacità a quanto previsto dalla normativa vigente; è consentito l’uso di contenitori alternativi al vetro costituiti da un otre di materiale plastico pluristrato di polietilene e poliestere racchiuso in un involucro di cartone o di altro materiale rigido esclusivamente per i vini non destinati al mercato nazionale.
Per i vini designati con la denominazione di origine controllata Colli Bolognesi immessi al consumo in bottiglie in vetro di capacità fino a cinque litri, è consentito solo l'uso di bottiglie di forma tradizionale, con esclusione della dama, chiuse con tappo raso bocca di materiale consentito.
In deroga al comma precedente, per i vini diversi dalle tipologie designate con le menzioni riserva e vigna, è consentito anche l'uso del tappo a vite a capsula integrata per le bottiglie di capacità fino a lt 0,75.
I vini a denominazione di origine controllata Colli Bolognesi riportanti la menzione frizzante, se immessi al consumo in bottiglie di vetro, nelle capacità previste dalle disposizioni di legge, possono essere confezionati con tappo a fungo ancorato, di sughero o di materiale sintetico ammesso, pieno (tipo elastomero), tradizionalmente utilizzato nella zona, con eventuale capsula di altezza non superiore a 7 cm.
Il vino a denominazione di origine controllata Colli Bolognesi Pignoletto Spumante deve essere confezionato in bottiglie di vetro, chiuse con tappo a fungo di sughero o in materiale sintetico ammesso, pieno (tipo elastomero), trattenuto da fermaglio e capsulone
Articolo precedenteAbbona: “Difendere promozione Ue da politiche proibizioniste”
Articolo successivoChianti: “Su vendemmia 2021 sospiro di sollievo, calo produzione ‘solo’ del 15%”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.