Colli Cimini IGT

0
uva

Il vino Colli Cimini IGT è un vino prodotto nella provincia di Viterbo nella Regione Lazio

La indicazione geografica tipica Colli Cimini, accompagnata o meno dalle specificazioni previste dal presente disciplinare di produzione, è riservata ai mosti e ai vini che rispondono alle condizioni ed ai requisiti in appresso indicati.

La indicazione geografica tipica Colli Cimini è riservata ai seguenti vini:

bianco; bianco frizzante; bianco novello; bianco passito; bianco vendemmia tardiva; rosso; rosso frizzante; rosso novello; rosato; rosato frizzante; con la specificazione del nome di uno, due o tre vitigni, anche nelle tipologie frizzante per i bianchi, rossi e rosati, passito e vendemmia tardiva limitatamente ai bianchi, novello limitatamente ai rossi e ai bianchi.

L’indicazione geografica tipica Colli Cimini con la specificazione di uno dei vitigni idonei alla coltivazione per la Regione Lazio è riservata ai vini ottenuti da uve provenienti da vigneti composti, nell’ambito aziendale, per almeno l’85% dai corrispondenti vitigni. Possono concorrere, da sole o congiuntamente, alla produzione dei mosti e vini sopra indicati, le uve di altri vitigni idonei alla coltivazione per la Regione Lazio, fino ad un massimo del 15%.

Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini devono essere quelle tradizionali della zona.

Colli Cimini IGT

RegioneLazio
ProvinciaViterbo
DenominazioneColli Cimini IGT
Anno di registrazioneIGT dal 22.11.1995
TipologiaColli Cimini bianco
Colli Cimini bianco novello
Colli Cimini bianco passito
Colli Cimini bianco vendemmia tardiva
Colli Cimini rosso
Colli Cimini rosso novello
Colli Cimini Rosato
Base ampelograficaL'indicazione geografica tipica Colli Cimini con la specificazione di uno dei vitigni idonei alla coltivazione per la Regione Lazio è riservata ai vini ottenuti da uve provenienti da vigneti composti, nell'ambito aziendale, per almeno l'85% dai corrispondenti vitigni. Possono concorrere, da sole o congiuntamente, alla produzione dei mosti e vini sopra indicati, le uve di altri vitigni idonei alla coltivazione per la Regione Lazio, fino ad un massimo del 15%
Zona di raccolta uveBassano in Teverina, Canepina, Capranica, Caprarola, Carbognano, Corchiano, Fabrica di Roma, Gallese, Ronciglione, Seriano nel Cimino, Sutri, Vallerano, Vasanello, Vignanello
ImbottigliamentoStesso territorio amministrativo delle zone di raccolta delle uve
Bottiglia e tappoN/S
Articolo precedenteLe Morette: la tecnologia sbarca in cantina con l’industria 4.0
Articolo successivoWiney, valore aggiunto ai piccoli vignaioli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.