Il Gambero Rosso sbarca al Monte Faito

0
vico equense

Un progetto realizzato nell’ambito del percorso di valorizzazione delle eccellenze, del patrimonio paesaggistico ed enogastronomico

Le telecamere del Gambero Rosso arrivano a Monte Faito. Da lunedì 4 a venerdì 8 luglio si terranno le riprese di una serie televisiva firmata dal popolare canale televisivo, esclusivamente dedicata al Monte Faito e alle ricchezze enogastronomiche del territorio che circonda il polmone verde di Vico Equense.  La serie si svilupperà in quattro puntate che andranno in onda nella seconda metá di agosto, con sei repliche nei mesi successivi.

“Giorgione” Giorgio Barchiesi, noto chef di Gambero Rosso, verrà accompagnato in un percorso ricco di sorprese alla scoperta delle eccellenze del Monte Faito e sarà ospite nelle cucine delle case di alcuni abitanti del luogo per conoscere le sue ricette tradizionali e rivisitarle a modo suo. Giorgione scoprirà che i prodotti di questa florida terra, dalle falde del Faito alle sue vette, sono il frutto preziosissimo della perfetta combinazione tra il mare e la montagna.

La Città di Vico Equense, in stretta collaborazione con l’associazione Pro Faito, prosegue nel suo costante impegno per la promozione e la valorizzazione del Monte quale patrimonio paesaggistico e bene culturale, incluso da un punto di vista enogastronomico, con particolare attenzione allo sviluppo di un turismo sano e sostenibile.

“Questa iniziativa si integra perfettamente con quelle portate avanti con grande perseveranza e impegno dalla nostra giunta e darà al Monte Faito la visibilità che merita”. Ha dichiarato il sindaco Peppe Aiello. “Noi proseguiremo su questa strada e far conoscere all’Italia e al mondo il gioiello che abbiamo la fortuna di poter godere”.

“Il Faito in questa serie TV sarà protagonista assoluto”, ha sottolineato Sergio Napolitano, Vice Presidente della Pro Faito. “Un territorio così limitato geograficamente regala all’uomo da centinaia di anni non solo una natura rigogliosa e panorami mozzafiato, ma anche qualunque ingrediente che un cuoco possa desiderare in cucina. La ricchezza delle materie prime, unita alla maestria, l’esperienza e la tradizione culinaria degli abitanti del luogo, renderà questa esperienza unica per Giorgione e per il suo pubblico”.

Articolo precedente“Inconfondibile”, dal passato i vini del futuro
Articolo successivoTop 20 Weinwirtschaft 2022: Valpolicella Classica ancora sugli scudi
Redazione di Eroi del Gusto

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.