Gutturnio DOC

0
uva

Il vino Gutturnio DOC è un vino prodotto nella provincia di Piacenza nella Regione Emilia Romagna

La denominazione di origine controllata Gutturnio obbligatoriamente seguita da una delle seguenti menzioni: frizzante, Superiore e Classico Superiore, Riserva e Classico Riserva, è riservata ai vini che rispondono alle condizioni ed ai requisiti stabiliti nel disciplinare di produzione.

I vini a denominazione di origine controllata Gutturnio devono essere ottenuti da uve provenienti da vigneti aventi, in ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica: Barbera: dal 55 al 70%; Croatina (localmente detta Bonarda): dal 30 al 45%.

Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini a denominazione di origine controllata Gutturnio devono essere quelle tradizionali delle zone di produzione e comunque atte a conferire alle uve ed ai vini le specifiche tradizionali caratteristiche qualitative.

Per la produzione di tutti i vini a D.O.C. sono pertanto da considerare idonei unicamente i vigneti ubicati in zona collinare-pedemontana, bene esposti, su terreni argillosi, preferibilmente di natura calcarea o calcarea-argillosa, spesso ferrettizzati, ciottolosi e ghiaiosi.

Gutturnio DOC

RegioneEmilia Romagna
ProvinciaPiacenza
DenominazioneGutturnio DOC
Anno di registrazioneDOC dal 21.07.2010
TipologiaGutturnio Frizzante
Gutturnio Superiore e Gutturnio Classico Superiore
Gutturnio Riserva e Gutturnio Classico Riserva
Base ampelograficaBarbera: dal 55 al 70%; Croatina (localmente detta Bonarda): dal 30 al 45%
Zona di raccolta uveTerritorio collinare del comune di Ziano Piacentino e comprendono il territorio collinare parziale dei comuni di: Pianello Val Tidone, Borgonovo Val Tidone, Castel San Giovanni, Nibbiano, Agazzano, Piozzano, Gazzola, Vigolzone, Rivergaro, Ponte dell’Olio, Castell’Arquato, Carpaneto Piacentino, S.Giorgio Piacentino, Gropparello, Alseno, Lugagnano Val d’Arda e Vernasca
ImbottigliamentoStesso territorio amministrativo delle zone di raccolta delle uve
Bottiglia e tappoIl vino a denominazione di origine controllata Gutturnio superiore e Gutturnio Classico Superiore può essere immesso al consumo solo in bottiglie di vetro tipo bordolese di capacità da 0,200 a 6,000 litri e solo dopo il primo Aprile dell'annata successiva a quella della vendemmia. Il vino con la denominazione di origine controllata Gutturnio riserva e classico riserva deve essere immesso al consumo solo in bottiglie di vetro tipo bordolese di capacità 0,200 a 6,000 litri, dopo almeno 24 mesi di invecchiamento e affinamento (di cui almeno 6 mesi in legno) a partire dal 1° settembre dell’annata di produzione delle uve. Per tutti i vini a denominazione di origine controllata Gutturnio è obbligatorio apporre sull'etichetta l'indicazione dell'annata di produzione delle uve. Per i vini a Denominazione di origine Controllata Gutturnio sono ammesse tutti i tipi di chiusure previste dalla norma ad eccezione dei tappi a corona, di quelli in plastica e salvo quanto previsto dal presente articolo. I vini a Denominazione di Origine Controllata “Gutturnio” nella tipologia frizzante sono immessi al consumo in bottiglie di vetro, nelle capacità da 0,200 a 4,500 litri, possono essere confezionati con tappo a fungo ancorato, di sughero o di materiale sintetico ammesso, pieno, con eventuale capsula di copertura della chiusura di altezza non superiore a 7 cm. I vini a denominazione di origine controllata Gutturnio nella tipologia frizzante, ottenuti da rifermentazione naturale in bottiglia, dove è evidente la presenza del tipico fondo di rifermentazione in bottiglia, è consentito l’utilizzo del tappo a corona. I tappi in plastica sono ammessi esclusivamente per i contenitori da 5 a 60 litri non a tenuta di pressione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.