“Il guerriero e il mare”, la cena di beneficenza di Bianco Tanagro

0
cena bianco tanagro

Si terrà il 25 aprile alle 20 al Magic Hotel di Atena Lucana, in provincia di Avellino. Lo scopo è acquistare attrezzature per il reparto di oncologia dell’Hospice Vallo di Diano

AVELLINO. Ogni anno Bianco Tanagro, il festival dedicato al carciofo bianco della Valle del Tanagro, ha sempre proposto una cena-anteprima per poter vivere un percorso degustativo a tema carciofo bianco, nonché conoscere nei dettagli il programma della nuova edizione.

In vista del decennale, questo appuntamento si è trasformato in una cena di beneficenza, volta a raccogliere fondi per acquistare delle nuove attrezzature per il reparto di Oncologia dell’Hospice Vallo di Diano. In programma per giovedì 25 aprile, alle ore 20, presso il ristorante del Magic Hotel della famiglia Marino ad Atena Lucana, sarà occasione per conoscere più da vicino le attività ed i progetti che stanno crescendo attorno a questo prodotto di eccellenza.

La location, già premiata con il Premio Carciofo Bianco, rappresenta un indiscusso riferimento per il Vallo di Diano. Un luogo di accoglienza dove la ristorazione è un interessante punto di incontro tra terra e mare, fusione di un’area dalle mille sfaccettature.

A firmare la cena sarà invece una squadra d’eccezione che vedrà, uniti da uno stesso ed importante obiettivo, gli chef del Magic assieme allo chef Angelo Borghese del Settanta Neo Bistrot di Pontecagnano Faiano ed il pasticcere Domenico Manfredi della Pasticceria D’Elia di Teggiano.

Il menù della serata

Prevede come aperitivo un crostino con patè di carciofo bianco del Tanagro. L’antipasto è “Carciofo…in bianco” dello chef Angelo Borghese. Il nome del primo piatto è “Il guerriero e il mare”, un risotto al carciofo bianco del Tanagro con bottarga di muggine. Il secondo piatto, invece, si chiama “Che carciofo”, carciofo bianco del Tanagro con cuore di baccalà mantecato su specchio delicato a cura degli chef del Magic Hotel. Infine, il dessert è “Un dolce carciofo” a cura del maestro pasticciere Domenico Manfredi. In abbinamento vini a cura di Casillo Wine.

Articolo precedenteCampania, comparto bufalino: nuovi impianti per ridurre l’inquinamento
Articolo successivoPasta al burro: un piatto frutto del tradimento
Redazione di Eroi del Gusto

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.