Sapori di primavera nel nuovo menu di Giuseppe Bove

0
Pizzeria Bove

Un ventaglio di pizze che riprendono i sapori della primavera nella proposta della pizzeria Il segreto di Pulcinella, a Montesarchio

BENEVENTO. Curioso e vulcanico il giovane Giuseppe Bove, patron e pizzaiolo del “Il segreto di Pulcinella” di Montesarchio (Benevento). Sempre attento alla stagionalità, con l’arrivo della primavera non si è lasciato sfuggire i tanti prodotti che pian piano stanno sostituendo quelli invernali. Nella sua pizzeria ritroviamo un menù completamente rinnovato, che lascia spazio ai tanti ingredienti e a curiose combinazioni, che scandiscono l’arrivo della primavera e della Pasqua. Ingredienti selezionati con grande attenzione, ricercati prevalentemente tra i prodotti del territorio, ma che sanno anche attingere ai territori limitrofi, portando in tavola delle pizze dalla farcia inusuale, ma studiate nella loro composizione.

Il suo successo deriva proprio da questa sua scrupolosa attenzione nei confronti degli ingredienti, nella cura e nella gestione degli impasti. È frutto di una sua continua ricerca, lontano da mode o stili più largamente diffusi. La sua è una pizza attuale, che guarda con coscienza alla leggerezza dell’impasto e al gioco di sapori che attraverso piccoli dettagli, rendono ogni boccone un unicum.

Tra le novità più interessanti la Controcorrente preparata con Fior di latte di pezzata rossa, battuto di trota salmonata affumicata, fave fresche scottate, stracciata di pezzata rossa, polvere di liquirizia, basilico, olio EVO. La Nuovi Orizzonti, una pizza farcita con Fior di latte di pezzata rossa, battuto di Marchigiana del Sannio, valeriana, tuorlo di quaglia fresco, sferificazione di aceto balsamico di Modena, parmigiano Malandrone 36 mesi, basilico, olio EVO. In queste due pizze è evidente la sua formazione da cuoco, capace di riportare sul disco di pasta, ingredienti interessanti gestiti secondo le opportune cotture e consistenze. Interessante novità anche sul lato dessert, con l’inizio di una entusiasmante collaborazione tra Giuseppe e Carmen Vecchione.

Rinnovata anche la carta dei vini, redatta in modo attento e professionale da Francesca Martusciello, sommelier professionista con esperienze importanti alle spalle. Non mancano nuove etichette anche nella carta delle birre, che ha la firma di Gianluca Polini publican dell’OttavoNano di Atripalda. In entrambi i casi ritroviamo coerenza con la proposta gastronomica e una peculiare attenzione al territorio campano.

Per conoscere al meglio la tradizione e le novità, Giuseppe ha studiato un percorso efficace che spazierà tra alcuni suoi classici e le ultime nate

Aperitivo di benvenuto in abbinamento Samnia bière blanche – Birrificio del Sannio.

Montanara d’aMare (Crema di cicoria selvatica, stracciata di pezzata rossa, crudo di gambero rosso di Mazara del Vallo marinati con olio e sale integrale di Trapani, scorzetta di limone di Amalfi, colatura di alici di Cetara, basilico, olio E.V.O.) in abbinamento La Mossa – Casa Di Baal.

Buffalo Bill (Mozzarella di bufala, pomodorino giallo, salame di bufalo, basilico, olio E.V.O.) in abbinamento Vassallo Falanghina In Anfora – Cantina Morone.

Controcorrente (Fior di latte di pezzata rossa, battuto di trota salmonata affumicata, fave fresche scottate, stracciata di pezzata rossa, polvere di liquirizia, basilico, olio E.V.O.) in abbinamento Vassallo Falanghina In Anfora – Cantina Morone.

Nuovi Orizzonti (Fior di latte di pezzata rossa, battuto di Marchigiana del Sannio, valeriana, tuorlo di quaglia fresco, sferificazione di aceto balsamico di Modena, parmigiano Malandrone 36 mesi, basilico, olio E.V.O.) in abbinamento Miniere – Cantina dell’Angelo.

Omaggio A Montesarchio (Fior di latte di pezzata rossa, battuto di peperone beneventano saltato con olio EVO, aglio di Bonea, origano del Taburno, capperi di Salina, alici, condita all’uscita con mollica di pane tostata e aromatizzata all’aglio, rosmarino e noci) in abbinamento Barbera del Sannio – di Santo Ugo.

Omaggio a Montesarchio
Omaggio a Montesarchio

Margherita classica (Pomodoro San Marzano DOP, fior di latte di pezzata rossa, basilico, olio E.V.O.) in abbinamento Barbera del Sannio – di Santo Ugo.

Dolci Coccole firmate “Dolciarte” di Carmen Vecchione.

Articolo precedenteDa Giuseppe Bove, la pizza dal cuore Sannita
Articolo successivoCampania, comparto bufalino: nuovi impianti per ridurre l’inquinamento
Redazione di Eroi del Gusto

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.