Castel San Lorenzo DOC

0
uva

Il vino Castel San Lorenzo DOC è un vino prodotto nella provincia di Salerno nella Regione Campania

La Denominazione di Origine Controllata Castel San Lorenzo è riservata ai vini che rispondono alle condizioni ed ai requisiti prescritti dal disciplinare di produzione per le seguenti tipologie: Bianco; Rosso; Rosato; Barbera; Moscato; Moscato spumante; Moscato passito; Moscato Lambiccato e Aglianicone.

I vini a Denominazione di Origine Controllata Castel San Lorenzo debbono essere ottenuti dalle uve provenienti da vigneti aventi, nell’ambito aziendale, la rispettiva composizione ampelografica appresso indicata.

Bianco:

Trebbiano toscano, 50-60%; Malvasia Bianca, 30-40%. Possono concorrere fino ad un massimo del 20% i vitigni a bacca bianca idonei alla coltivazione per la provincia di Salerno.

Rosso e Rosato:

Barbera, 60-80%; Sangiovese, 20-30%. Possono concorrere fino ad un massimo del 20% i vitigni a bacca nera idonei alla coltivazione per la provincia di Salerno.

Barbera:

Barbera, almeno l’85%. Possono concorrere fino ad un massimo del 15% i vitigni non aromatici a bacca nera idonei alla coltivazione per la provincia di Salerno.

Moscato, Moscato spumante e Moscato passito:

Moscato bianco: almeno l’85%. Possono concorrere fino ad un massimo del 15% i vitigni a bacca bianca idonei alla coltivazione per la provincia di Salerno.

Aglianicone:

Aglianicone, almeno l’85%. Possono concorrere fino ad un massimo del 15% i vitigni non aromatici a bacca nera idonei alla coltivazione per la provincia di Salerno.

Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini a Denominazione di Origine Controllata Castel San Lorenzo devono essere quelle tradizionali della zona e comunque atte a conferire alle uve derivate le specifiche caratteristiche di qualità.

Castel San Lorenzo DOC

RegioneCampania
ProvinciaSalerno
DenominazioneCastel San Lorenzo DOC
Anno di registrazioneDOC dal 06.11.1991
TipologiaCastel San Lorenzo Barbera
Castel San Lorenzo Rosso
Castel San Lorenzo Rosato
Castel San Lorenzo Bianco
Castel San Lorenzo Moscato
Castel San Lorenzo Moscato spumante
Castel San Lorenzo Moscato passito
Castel San Lorenzo Aglianicone
Base ampelograficaBianco:
Trebbiano toscano, 50-60%; Malvasia Bianca, 30-40%. Possono concorrere fino ad un massimo del 20% i vitigni a bacca bianca idonei alla coltivazione per la provincia di Salerno.
Rosso e Rosato:
Barbera, 60-80%; Sangiovese, 20-30%. Possono concorrere fino ad un massimo del 20% i vitigni a bacca nera idonei alla coltivazione per la provincia di Salerno.
Barbera:
Barbera, almeno l’85%. Possono concorrere fino ad un massimo del 15% i vitigni non aromatici a bacca nera idonei alla coltivazione per la provincia di Salerno.
Moscato, Moscato spumante e Moscato passito:
Moscato bianco: almeno l’85%. Possono concorrere fino ad un massimo del 15% i vitigni a bacca bianca idonei alla coltivazione per la provincia di Salerno.
Aglianicone:
Aglianicone, almeno l’85%. Possono concorrere fino ad un massimo del 15% i vitigni non aromatici a bacca nera idonei alla coltivazione per la provincia di Salerno
Zona di raccolta uveCastel San Lorenzo, Bellosguardo, Felitto e in parte quello dei comuni di Aquara, Castelcivita, Roccadaspide, Magliano Vetere e Ottati
ImbottigliamentoStesso territorio amministrativo delle zone di raccolta delle uve
Bottiglia e tappoN/S
Articolo precedenteFesta della “Robiola di Roccaverano d.o.p.”
Articolo successivoPasta Garofalo ti porta alla scoperta dei tesori di Napoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.