Lison-Pramaggiore DOC

0
uva

Il vino Lison-Pramaggiore DOC è un vino prodotto nelle province di Venezia, Treviso e Pordenone nelle Regioni Veneto e Friuli-Venezia Giulia

La denominazione di origine controllata Lison Pramaggiore è riservata ai vini che rispondono alle condizioni e ai requisiti stabiliti dal disciplinare di produzione per le seguenti tipologie:

Bianco; Rosso; Rosso riserva; Chardonnay; Sauvignon; Verduzzo; Verduzzo passito; Merlot; Merlot riserva; Malbech; Cabernet; Carmenère; Refosco dal peduncolo rosso; Refosco dal peduncolo rosso riserva; Refosco dal peduncolo rosso passito; Spumante.

La denominazione di origine controllata Lison Pramaggiore è altresì riservata alle seguenti tipologie, limitatamente alle produzioni ottenute da vigneti ubicati nell’area di produzione ricadenti in provincia di Pordenone: Cabernet franc; Cabernet Sauvignon e Pinot grigio.

La denominazione di origine controllata Lison Pramaggiore è riservata ai vini derivanti dalle seguenti varietà:

Chardonnay, Pinot grigio, Sauvignon, Verduzzo (da Verduzzo friulano e/o Verduzzo trevigiano), Merlot, Malbech, Cabernet (da Cabernet franc e/o Cabernet Sauvignon e/o Carmenère), Cabernet franc, Cabernet Sauvignon, Carmenère, Refosco dal peduncolo rosso, provenienti da vigneti costituiti per almeno l’85% delle corrispondenti varietà. Possono inoltre concorrere, da sole o congiuntamente, le uve di altri vitigni a frutto di colore analogo, non aromatici, purché idonei alla coltivazione nelle rispettive provincie di Venezia, Treviso e Pordenone.

La denominazione di origine controllata Lison Pramaggiore, con la specificazione bianco è riservata ai vini provenienti da vigneti aventi, nell’ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:

Tai: dal 50 al 70 %; possono inoltre concorrere alla produzione di detto vino da sole o congiuntamente e fino ad un massimo del 50%, le uve a bacca bianca.

La denominazione di origine controllata Lison Pramaggiore, con la specificazione rosso è riservata ai vini provenienti da vigneti aventi, nell’ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:

Merlot: dal 50 al 70%, possono, inoltre, concorrere alla produzione di detto vino, da sole o congiuntamente e fino ad un massimo del 50% le uve a bacca nera.

Il vino a denominazione di origine controllata Lison-Pramaggiore spumante è riservato ai vini provenienti da vigneti aventi, nell’ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:

Chardonnay e/o Pinot bianco e/o Pinot nero.

Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini devono essere quelle tradizionali della zona di produzione e comunque atte a conferire alle uve ed ai vini derivati le specifiche caratteristiche di qualità.

Lison-Pramaggiore DOC

RegioneVeneto
Friuli-Venezia Giulia
ProvinciaVenezia, Treviso e Pordenone
DenominazioneLison-Pramaggiore DOC
Anno di registrazioneDOC dal 04.06.1971
TipologiaLison-Pramaggiore Bianco
Lison-Pramaggiore Chardonnay
Lison-Pramaggiore Sauvignon
Lison-Pramaggiore Verduzzo
Lison-Pramaggiore Verduzzo passito
Lison-Pramaggiore Rosso e Rosso riserva
Lison-Pramaggiore Merlot e Merlot riserva
Lison-Pramaggiore Malbech
Lison-Pramaggiore Cabernet
Lison-Pramaggiore Carmenère
Lison-Pramaggiore Refosco dal peduncolo rosso e riserva
Lison-Pramaggiore Refosco dal peduncolo rosso passito
Lison-Pramaggiore Pinot grigio
Lison-Pramaggiore Cabernet Franc
Lison-Pramaggiore Cabernet Sauvignon
Lison-Pramaggiore Spumante
Base ampelograficaLa denominazione di origine controllata Lison Pramaggiore è altresì riservata alle seguenti tipologie, limitatamente alle produzioni ottenute da vigneti ubicati nell’area di produzione ricadenti in provincia di Pordenone: Cabernet franc; Cabernet Sauvignon e Pinot grigio.
La denominazione di origine controllata Lison Pramaggiore è riservata ai vini derivanti dalle seguenti varietà:
Chardonnay, Pinot grigio, Sauvignon, Verduzzo (da Verduzzo friulano e/o Verduzzo trevigiano), Merlot, Malbech, Cabernet (da Cabernet franc e/o Cabernet Sauvignon e/o Carmenère), Cabernet franc, Cabernet Sauvignon, Carmenère, Refosco dal peduncolo rosso, provenienti da vigneti costituiti per almeno l’85% delle corrispondenti varietà. Possono inoltre concorrere, da sole o congiuntamente, le uve di altri vitigni a frutto di colore analogo, non aromatici, purché idonei alla coltivazione nelle rispettive provincie di Venezia, Treviso e Pordenone.
La denominazione di origine controllata Lison Pramaggiore, con la specificazione bianco è riservata ai vini provenienti da vigneti aventi, nell’ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:
Tai: dal 50 al 70 %; possono inoltre concorrere alla produzione di detto vino da sole o congiuntamente e fino ad un massimo del 50%, le uve a bacca bianca.
La denominazione di origine controllata Lison Pramaggiore, con la specificazione rosso è riservata ai vini provenienti da vigneti aventi, nell’ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:
Merlot: dal 50 al 70%, possono, inoltre, concorrere alla produzione di detto vino, da sole o congiuntamente e fino ad un massimo del 50% le uve a bacca nera.
Il vino a denominazione di origine controllata Lison-Pramaggiore spumante è riservato ai vini provenienti da vigneti aventi, nell’ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:
Chardonnay e/o Pinot bianco e/o Pinot nero
Zona di raccolta uveProvincia di Venezia: Annone Veneto, Cinto Caomaggiore, Gruaro, Fossalta di Portogruaro, Pramaggiore, Teglio Veneto, e parte del territorio dei comuni di Caorle, Concordia Sagittaria, Portogruaro, San Michele al Tagliamento, Santo Stino di Livenza;
Provincia di Treviso: Meduna di Livenza e parte del territorio di Motta di Livenza;
Provincia di Pordenone: Chions, Cordovado, Pravisdomini e parte dei territori di Azzano Decimo, Morsano al Tagliamento, Sesto al Reghena
ImbottigliamentoStesso territorio amministrativo delle zone di raccolta delle uve
Bottiglia e tappoI vini a denominazione di origine controllata Lison Pramaggiore devono essere immessi al consumo unicamente nelle tradizionali bottiglie di vetro, fino ad una capacità massima di litri 9, chiuse con tappo raso bocca, mentre per le bottiglie fino a 0,375 litri è consentito l’uso del tappo a vite.
È tuttavia consentito per le bottiglie fino a litri 1,500, con esclusione della versione riserva, l'uso del tappo capsula a vite
Articolo precedenteRonco dei Tassi presenta la Collezione di famiglia
Articolo successivoCegusto Streat Fest da venerdì 3 dicembre fino al 9 gennaio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.