Savuto DOC

0
uva

Il vino Savuto DOC è un vino prodotto nelle province di Cosenza e Catanzaro nella Regione Calabria

La Denominazione di Origine Controllata Savuto è riservata ai vini che rispondono alle condizioni ed ai requisiti stabiliti nel disciplinare di produzione per le tipologie Savuto bianco, Savuto rosso, anche con le menzioni classico e superiore e Savuto rosato, anche con la menzione classico.

I vini a Denominazione di Origine Controllata Savuto devono essere ottenuti dalle uve provenienti da vigneti aventi, nell’ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:

Savuto bianco:

Montonico: fino ad un massimo del 40%; Chardonnay: fino ad un massimo del 30%; Greco bianco: fino ad un massimo del 20%; Malvasia bianca: fino ad un massimo del 10%;

possono concorrere altri vitigni a bacca bianca, idonei alla coltivazione per la Regione Calabria, fino al massimo del 45%.

Savuto rosso e rosato:

Gaglioppo (localmente noto come Arvino): fino ad un massimo del 45%; Aglianico fino ad un massimo del 45%, Greco nero, Nerello cappuccio, da soli o congiuntamente, fino ad un massimo del 10%;

possono concorrere altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione per la Regione Calabria, fino ad un massimo del 45%.

Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini a denominazione di origine controllata Savuto essere quelle tradizionali delle zone di produzione e comunque atte a conferire alle uve e ai vini derivati le specifiche caratteristiche di qualità. Sono pertanto da escludere i vigneti di fondovalle e quelli di pianura.

Savuto DOC

RegioneCalabria
ProvinciaCosenza e Catanzaro
DenominazioneSavuto DOC
Anno di registrazioneDOC dal 19.05.1975
TipologiaSavuto Bianco
Savuto Rosato
Savuto Rosso
Savuto Rosso superiore
Base ampelograficaSavuto bianco:
Montonico: fino ad un massimo del 40%; Chardonnay: fino ad un massimo del 30%; Greco bianco: fino ad un massimo del 20%; Malvasia bianca: fino ad un massimo del 10%;
possono concorrere altri vitigni a bacca bianca, idonei alla coltivazione per la Regione Calabria, fino al massimo del 45%.
Savuto rosso e rosato:
Gaglioppo (localmente noto come Arvino): fino ad un massimo del 45%; Aglianico fino ad un massimo del 45%, Greco nero, Nerello cappuccio, da soli o congiuntamente, fino ad un massimo del 10%;
possono concorrere altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione per la Regione Calabria, fino ad un massimo del 45%
Zona di raccolta uveprovincia di Cosenza:
Rogliano, S. Stefano di Rogliano, Marzi, Belsito, Grimaldi, Altilia, Aiello Calabro, Cleto, Serra Aiello, Pedivigliano, Malito, Amantea, Scigliano, Carpanzano.
provincia di Catanzaro:
Motta S. Lucia, Martirano Vecchio, Martirano Lombardo, S. Mango d’Aquino, Nocera Terinese e Conflenti
ImbottigliamentoStesso territorio amministrativo delle zone di raccolta delle uve
Bottiglia e tappoI vini possono essere immessi al consumo esclusivamente in bottiglie di vetro della capacità di 0,250 litri – 0,375 litri – 0,500 litri – 0,750 litri – 1,5 litri – 3,0 litri – 5 litri – 6,0 litri – 9,0 litri – 10 litri e superiori, ad esclusione di dame e damigiane, secondo quanto previsto dalla normativa vigente in materia.
I sistemi di chiusura consentiti sono quelli previsti dalle norme di legge con esclusione dei tappi a corona
Articolo precedenteLa gastronomia è su facebook con Casolaro Hotellerie
Articolo successivoSavuto Bianco

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.