Valle d’Aosta o Vallee d’Aoste DOC

0
uva, vigna

Il vino Valle d’Aosta o Vallee d’Aoste DOC è un vino prodotto nella provincia di Aosta nella Regione Valle d’Aosta

La denominazione di origine controllata Valle d’Aosta o Vallée d’Aoste, eventualmente accompagnata da una delle seguenti indicazioni di vitigno: Müller Thurgau; Gamay; Pinot nero o Pinot noir; Pinot grigio o Pinot gris; Pinot bianco o Pinot blanc; Chardonnay; Mayolet; Petite Arvine; Merlot; Fumin; Syrah; Cornalin; Nebbiolo; Petit rouge; Prëmetta; Moscato bianco o Muscat petit grain; Traminer aromatico o Gewürztraminer; Gamaret; Vuillermin o da una delle seguenti menzioni geografiche:

Donnas; Arnad-Montjovet; Chambave; Chambave Moscato o Chambave Muscat; Nus; Nus Malvoisie; Torrette; Enfer d’Arvier; Blanc de Morgex et de La Salle o da una delle seguenti indicazioni di colore : bianco o blanc; rosso o rouge; rosato o rosé; o da una delle seguenti tipologie di vinificazione: novello o nouveau; Chambave Moscato Passito o Chambave Muscat Flétri; Nus Malvoise Passito o Nus Malvoisie Flétri ; Moscato bianco Passito o Muscat petit grain Flétri; Traminer aromatico Passito o Gewürztraminer Flétri; Passito o Flétri è riservata ai vini che rispondono alle condizioni ed ai requisiti prescritti dal disciplinare di produzione.

La denominazione di origine controllata Valle d’Aosta o Vallée d’Aoste, accompagnata da una delle seguenti specificazioni di vitigno:

Müller Thurgau; Gamay; Pinot nero o Pinot noir; Pinot grigio o Pinot gris; Pinot bianco o Pinot blanc; Chardonnay; Mayolet; Petite Arvine; Merlot; Fumin; Syrah; Cornalin; Nebbiolo; Petit rouge; Prëmetta; Moscato bianco o Muscat petit grain; Traminer aromatico o Gewürztraminer; Gamaret; Vuillermin deve essere ottenuta dalle uve prodotte dai vigneti che abbiano nell’ambito aziendale, la composizione ampelografica dei corrispondenti vitigni per almeno l’85%. Possono concorrere fino ad un massimo del 15 % le uve dei vitigni a bacca di colore analogo, idonei alla coltivazione nella Regione Autonoma Valle d’Aosta.

La denominazione di origine controllata Valle d’Aosta o Vallée d’Aoste Donnas è riservata al vino ottenuto dalle uve provenienti dai vigneti composti a livello aziendale dal vitigno Nebbiolo per almeno l’85%. Possono inoltre concorrere le uve di altri vitigni a bacca rossa idonei alla coltivazione nella Regione Autonoma Valle d’Aosta presenti nei vigneti fino ad un massimo del 15%.

La denominazione di origine controllata Valle d’Aosta o Vallée d’Aoste Arnad-Montjovet è riservata al vino ottenuto dalle uve provenienti dai vigneti composti in ambito aziendale dal vitigno Nebbiolo per almeno il 70%. Possono inoltre concorrere le uve di altri vitigni a bacca rossa idonei alla coltivazione nella Regione Autonoma Valle d’Aosta presenti nei vigneti fino ad un massimo del 30% ed iscritti nel Registro Nazionale delle varietà di vite per uve da vino.

La denominazione di origine controllata Valle d’Aosta o Vallée d’Aoste Chambave, è riservata al vino ottenuto dalle uve provenienti dai vigneti composti in ambito aziendale dal vitigno Petit Rouge per almeno il 70%. Possono inoltre concorrere le uve di altri vitigni a bacca rossa, idonei alla coltivazione nella Regione Autonoma Valle d’Aosta, presenti nei vigneti fino ad un massimo del 30% ed iscritti nel Registro Nazionale delle varietà di vite per uve da vino.

La denominazione di origine controllata Valle d’Aosta o Vallée d’Aoste Chambave Muscat è riservata ai vini ottenuti dalle uve provenienti dai vigneti composti dal vitigno Moscato bianco.

La denominazione di origine controllata Valle d’Aosta o Vallée d’Aoste, Nus è riservata al vino ottenuto dalle uve provenienti dai vigneti composti in ambito aziendale dai seguenti vitigni: Vien de Nus e Petit Rouge per almeno il 70% di cui almeno 40% di Vien de Nus. Possono inoltre concorrere le uve di altri vitigni a bacca rossa idonei alla coltivazione nella Regione Autonoma Valle d’Aosta presenti nei vigneti fino ad un massimo del 30% ed iscritti nel Registro Nazionale delle varietà di vite per uve da vino.

La denominazione di origine controllata Valle d’Aosta o Vallée d’Aoste Nus Malvoisie, è riservata al vino ottenuto dalle uve provenienti dai vigneti composti dal vitigno Pinot grigio.

La denominazione di origine controllata Valle d’Aosta o Vallée d’Aoste Torrette è riservata al vino ottenuto dalle uve provenienti dai vigneti composti in ambito aziendale dal vitigno Petit Rouge per almeno il 70%. Possono inoltre concorrere le uve di altri vitigni a bacca rossa idonei alla coltivazione nella Regione Autonoma Valle d’Aosta presenti nei vigneti fino ad un massimo del 30%.

La denominazione di origine controllata Valle d’Aosta o Vallée d’Aoste Enfer d’Arvier è riservata al vino ottenuto dalle uve provenienti dai vigneti composti in ambito aziendale dal vitigno Petit Rouge per almeno l’85%. Possono inoltre concorrere le uve di altri vitigni a bacca rossa idonei alla coltivazione nella Regione Autonoma Valle d’Aosta presenti nei vigneti fino ad un massimo del 15%.

La denominazione di origine controllata Valle d’Aosta o Vallée d’Aoste Blanc de Morgex et de La Salle è riservata al vino ottenuto dalle uve provenienti dal vitigno Prié blanc.

La denominazione di origine controllata Valle d’Aosta o Vallée d’Aoste seguita da una indicazione di colore, bianco o blanc, rosso o rouge, rosato o rosé può essere rivendicata dagli iscritti allo schedario viticolo di una denominazione di cui al presente articolo per designare i vini bianchi, rossi o rosati provenienti dalle uve aventi le caratteristiche minime previste dall’art. 6, indicando tale scelta all’atto della denuncia delle uve.

La denominazione di origine controllata Valle d’Aosta o Vallée d’Aoste seguita dalla indicazione di passito o flétri può essere rivendicata dagli iscritti allo schedario viticolo di una denominazione di cui al presente articolo per designare i vini passiti provenienti dalle uve a bacca bianca o rosata aventi le caratteristiche minime previste dall’art. 6, indicando tale scelta all’atto della denuncia delle uve.

Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini a denominazione di origine controllata devono essere quelle tradizionali delle zone di produzione e comunque atte a conferire alle uve le specifiche caratteristiche di qualità.

Valle d'Aosta o Vallee d'Aoste DOC

RegioneValle d’Aosta
ProvinciaAosta
DenominazioneValle d'Aosta o Vallee d'Aoste DOC
Anno di registrazioneDOC dal 08.02.1971
TipologiaValle d'Aosta o Vallee d'Aoste Müller Thurgau
Valle d'Aosta o Vallee d'Aoste Gamay
Valle d'Aosta o Vallee d'Aoste Pinot nero o Pinot noir
Valle d'Aosta o Vallee d'Aoste Pinot grigio o Pinot gris
Valle d'Aosta o Vallee d'Aoste Pinot bianco o Pinot blanc
Valle d'Aosta o Vallee d'Aoste Chardonnay
Valle d'Aosta o Vallee d'Aoste Mayolet
Valle d'Aosta o Vallee d'Aoste Petite Arvine
Valle d'Aosta o Vallee d'Aoste Merlot
Valle d'Aosta o Vallee d'Aoste Fumin
Valle d'Aosta o Vallee d'Aoste Syrah
Valle d'Aosta o Vallee d'Aoste Cornalin
Valle d'Aosta o Vallee d'Aoste Nebbiolo
Valle d'Aosta o Vallee d'Aoste Petit rouge
Valle d'Aosta o Vallee d'Aoste Prëmetta
Valle d'Aosta o Vallee d'Aoste Moscato bianco o Muscat petit grain
Valle d'Aosta o Vallee d'Aoste Traminer aromatico o Gewürztraminer
Valle d'Aosta o Vallee d'Aoste Gamaret
Valle d'Aosta o Vallee d'Aoste Vuillermin
Valle d'Aosta o Vallee d'Aoste Donnas
Valle d'Aosta o Vallee d'Aoste Arnad-Montjovet
Valle d'Aosta o Vallee d'Aoste Chambave Valle d'Aosta o Vallee d'Aoste Chambave Moscato
o Chambave Muscat
Valle d'Aosta o Vallee d'Aoste Chambave Moscato passito o
Chambave Muscat flétri
Valle d'Aosta o Vallee d'Aoste Nus
Valle d'Aosta o Vallee d'Aoste Nus Malvoisie 70%
Valle d'Aosta o Vallée d'Aoste Nus Malvoisie Passito
o Flétri
Valle d'Aosta o Vallée d'Aoste Moscato bianco passito o Muscat petit grain flétri
Valle d'Aosta o Vallée d'Aoste Traminer aromatico passito o Gewürztraminer flétri
Valle d'Aosta o Vallée d'Aoste Passito o Flétri
Valle d'Aosta o Vallée d'Aoste Torrette
Valle d'Aosta o Vallée d'Aoste Enfer d'Arvier
Valle d'Aosta o Vallée d'Aoste Blanc de Morgex et de La Salle
Base ampelograficaLa denominazione di origine controllata Valle d'Aosta o Vallée d'Aoste, accompagnata da una delle seguenti specificazioni di vitigno:
Müller Thurgau; Gamay; Pinot nero o Pinot noir; Pinot grigio o Pinot gris; Pinot bianco o Pinot blanc; Chardonnay; Mayolet; Petite Arvine; Merlot; Fumin; Syrah; Cornalin; Nebbiolo; Petit rouge; Prëmetta; Moscato bianco o Muscat petit grain; Traminer aromatico o Gewürztraminer; Gamaret; Vuillermin deve essere ottenuta dalle uve prodotte dai vigneti che abbiano nell’ambito aziendale, la composizione ampelografica dei corrispondenti vitigni per almeno l’85%. Possono concorrere fino ad un massimo del 15 % le uve dei vitigni a bacca di colore analogo, idonei alla coltivazione nella Regione Autonoma Valle d'Aosta.
La denominazione di origine controllata Valle d'Aosta o Vallée d'Aoste Donnas è riservata al vino ottenuto dalle uve provenienti dai vigneti composti a livello aziendale dal vitigno Nebbiolo per almeno l'85%. Possono inoltre concorrere le uve di altri vitigni a bacca rossa idonei alla coltivazione nella Regione Autonoma Valle d'Aosta presenti nei vigneti fino ad un massimo del 15%.
La denominazione di origine controllata Valle d'Aosta o Vallée d'Aoste Arnad-Montjovet è riservata al vino ottenuto dalle uve provenienti dai vigneti composti in ambito aziendale dal vitigno Nebbiolo per almeno il 70%. Possono inoltre concorrere le uve di altri vitigni a bacca rossa idonei alla coltivazione nella Regione Autonoma Valle d'Aosta presenti nei vigneti fino ad un massimo del 30% ed iscritti nel Registro Nazionale delle varietà di vite per uve da vino.
La denominazione di origine controllata Valle d'Aosta o Vallée d'Aoste Chambave, è riservata al vino ottenuto dalle uve provenienti dai vigneti composti in ambito aziendale dal vitigno Petit Rouge per almeno il 70%. Possono inoltre concorrere le uve di altri vitigni a bacca rossa, idonei alla coltivazione nella Regione Autonoma Valle d'Aosta, presenti nei vigneti fino ad un massimo del 30% ed iscritti nel Registro Nazionale delle varietà di vite per uve da vino.
La denominazione di origine controllata Valle d'Aosta o Vallée d'Aoste Chambave Muscat è riservata ai vini ottenuti dalle uve provenienti dai vigneti composti dal vitigno Moscato bianco.
La denominazione di origine controllata Valle d'Aosta o Vallée d'Aoste, Nus è riservata al vino ottenuto dalle uve provenienti dai vigneti composti in ambito aziendale dai seguenti vitigni: Vien de Nus e Petit Rouge per almeno il 70% di cui almeno 40% di Vien de Nus. Possono inoltre concorrere le uve di altri vitigni a bacca rossa idonei alla coltivazione nella Regione Autonoma Valle d'Aosta presenti nei vigneti fino ad un massimo del 30% ed iscritti nel Registro Nazionale delle varietà di vite per uve da vino.
La denominazione di origine controllata Valle d'Aosta o Vallée d'Aoste Nus Malvoisie, è riservata al vino ottenuto dalle uve provenienti dai vigneti composti dal vitigno Pinot grigio.
La denominazione di origine controllata Valle d'Aosta o Vallée d'Aoste Torrette è riservata al vino ottenuto dalle uve provenienti dai vigneti composti in ambito aziendale dal vitigno Petit Rouge per almeno il 70%. Possono inoltre concorrere le uve di altri vitigni a bacca rossa idonei alla coltivazione nella Regione Autonoma Valle d'Aosta presenti nei vigneti fino ad un massimo del 30%.
La denominazione di origine controllata Valle d'Aosta o Vallée d'Aoste Enfer d'Arvier è riservata al vino ottenuto dalle uve provenienti dai vigneti composti in ambito aziendale dal vitigno Petit Rouge per almeno l'85%. Possono inoltre concorrere le uve di altri vitigni a bacca rossa idonei alla coltivazione nella Regione Autonoma Valle d'Aosta presenti nei vigneti fino ad un massimo del 15%.
La denominazione di origine controllata Valle d'Aosta o Vallée d'Aoste Blanc de Morgex et de La Salle è riservata al vino ottenuto dalle uve provenienti dal vitigno Prié blanc.
La denominazione di origine controllata Valle d’Aosta o Vallée d’Aoste seguita da una indicazione di colore, bianco o blanc, rosso o rouge, rosato o rosé può essere rivendicata dagli iscritti allo schedario viticolo di una denominazione di cui al presente articolo per designare i vini bianchi, rossi o rosati provenienti dalle uve aventi le caratteristiche minime previste dall’art. 6, indicando tale scelta all’atto della denuncia delle uve.
La denominazione di origine controllata Valle d’Aosta o Vallée d’Aoste seguita dalla indicazione di passito o flétri può essere rivendicata dagli iscritti allo schedario viticolo di una denominazione di cui al presente articolo per designare i vini passiti provenienti dalle uve a bacca bianca o rosata aventi le caratteristiche minime previste dall’art. 6, indicando tale scelta all’atto della denuncia delle uve
Zona di raccolta uveDonnas, Hône, Arnad, Issogne, Champdepraz, Montjovet, Châtillon, Pontey, Chambave, Fénis, Saint-Marcel, Brissogne, Pollein, Charvensod, Gressan, Jovençan, Aymavilles, Villeneuve, Introd, Arvier e Avise, Pont Saint-Martin, Donnas, Perloz, Arnad, Bard, Verrès, Challand Saint-Victor, Montjovet, Saint-Vincent, Châtillon, Saint-Denis, Verrayes, Chambave, Nus, Quart, Saint-Christophe, Aosta, Sarre, Saint-Pierre, Villeneuve, Saint-Nicolas, Arvier, Avise, La Salle e Morgex
ImbottigliamentoStesso territorio amministrativo delle zone di raccolta delle uve
Bottiglia e tappoLe bottiglie in cui vengono confezionati i vini Valle d'Aosta o Vallée d'Aoste in vista della vendita devono essere confacenti ai tradizionali caratteri di un vino di pregio
Articolo precedenteProvolone del Monaco dop, in maglia rosa sul lungomare di Napoli
Articolo successivoAl Parlamento italiano la presentazione del Pizza Village 2022

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.